BIBLIOTECA VALLICELLIANA
Seleziona una pagina

 

 

“Luce Materia Tempo. Proiectum, un’installazione di Fabrizio Crisafulli e Federica Luzzi” è il titolo del volume a cura di Paola Paesano, direttrice della Biblioteca Vallicelliana, un ‘opera che documenta la straordinaria installazione realizzata nel novembre 2019 da Fabrizio Crisafulli e Federica Luzzi nel Salone Borromini della Valliceliana: Proiectum. «Un omaggio – scrive la curatrice Paola Paesano – «sentimentale e antiretorico, intimo e necessario» al grande maestro dell’architettura barocca e, allo stesso tempo, un lavoro fortemente innovativo, «riconducibile all’arte site-specific, della quale rivela una interpretazione avanzata e profonda».
«Non saremmo affascinati dall’incanto di questo doppio sogno – scrive ancora Paola Paesano – se l’autore e l’autrice non fossero a loro volta, per primi, così disposti a farsi incantare dai potenti richiami del luogo».Gli scritti dei due artisti e della curatrice, e gli altri contributi accolti nel volume, nell’analizzare l’installazione nelle sue numerose sfaccettature, affrontano anche questioni più ampie riguardanti il teatro e l’arte di installazione, tra le quali le modalità attraverso cui la luce, la materia, il tempo divengono sostanza attiva dell’opera e delle sue relazioni con il pubblico.

Un sentito ringraziamento agli autori dei testi che con i loro interventi hanno contribuito a rendere prezioso questo volume:  Marina Benedetto, Alvin Curran, Claudio Damiani, Giuseppe Garrera, Melissa Lohman, Patrizia Mania, Gaia Riposati, Beppe Sebaste, Stefania Soskic, Monica Vacca. E ai fotografi: Stefano Fontebasso De Martino (copertina del libro), Gadt, Emanuele Luzzi, Federica Luzzi (retrocopertina), Stefania Macori, Emanuela Mastria, Fabio Palazzo, Massimo Piersanti, Alessandro Signorini, Naoya Takahara, Maurizio Zampetti. Foto di documentazione dall'”Opus Architectonicum Equitis Francisci Borromini”: Corrado Bonora. Video di documentazione della installazione nella Galleria dei Cesari (accessibile tramite QR code in retrocopertina): Sonia Marino. Impaginazione catalogo: Francesca Giannotta.

Paola Paesano dirige la Biblioteca Vallicelliana di Roma. Si è dedicata allo studio e alla valorizzazione di diversi fondi storici delle Biblioteche  Angelica e Vallicelliana. Sue pubblicazioni e partecipazioni a seminari e convegni riguardano soprattutto la circolazione delle idee nell’Europa di Antico Regime, e la letteratura italiana contemporanea. A sua cura le rassegne ”Libri lettori autori”, “L’ordine e l’inquietudine”, “Opera 00 l 20”,  quest’ultima dedicata all’arte contemporanea.  Attualmente è coordinatrice del progetto regionale  “La fabbrica della cultura”, in partenariato con Archivio Storico Capitolino, Istituto Storico Italiano per il Medioevo, Società Romana di Storia Patria, Congregazione degli Oratoriani, Biblioteca di Santa Scolastica di Subiaco.

Fabrizio Crisafulli, architetto di formazione, è regista teatrale e artista visivo. Degli spettacoli della sua compagnia cura la regia, lo spazio e il progetto luci. Con essa, e come autore di installazioni, svolge la propria attività internazionalmente. Ha insegnato per 35 anni nelle Accademie di Belle Arti. Insegna attualmente al DAMS di RomaTre.  Tra i numerosi riconoscimenti: Laurea Honoris Causa in Performance Design, Università di Roskilde (Danimarca), 2015; Premio Nazionale della Critica Teatrale (ANCT/Teatri delle Diversità), Italia, 2016. È autore di molte pubblicazioni riguardanti il teatro e le arti visive. Diverse monografie a carattere scientifico sono state dedicate al suo lavoro.
www.fabriziocrisafulli.org

Federica Luzzi, artista visiva, è specializzata in tecniche tradizionali e sperimentali dell’annodatura e dell’arazzo a telaio verticale, e nell’uso della fotografia in ambito installativo. Considera particolarmente importanti nel suo percorso le esperienze di collaborazione con alcuni danzatori giapponesi Butoh e, più recentemente, con altri artisti, in progetti appositamente realizzati per luoghi di interesse storico-artistico. Svolge attività espositiva internazionalmente. Ricordiamo le mostre alla LADS Gallery di Osaka, Giappone, e alla Brown Grotta Gallery di Wilton, USA. Dal 2019 una sua opera fa parte della Grotta House, dei collezionisti Lou e Sandy Grotta, realizzata da Richard Meier. Ha vinto il Premio Montrouge 2015. www.federicaluzzi.it

 

Instagram